Verifica e manutenzione fai da te di un antifurto per abitazione.

Ogni allarme dopo essere stato installato e testato accuratamente, deve essere sottoposto a costante e periodica manutenzione.

Una buona parte di manutenzione antifurto, può essere effettuata direttamente dal proprietario, in modo da limitare l’intervento del professionista, riducendo di molto i costi.

Quali operazioni dovrebbe compiere il proprietario di un impianto di allarme per casa per testare l’efficienza?

La cosa fondamentale è tenere uno storico di quello che succede (eventi) e quello che viene fatto (manutenzione). Mi spiego meglio, dovrete segnare su un’agenda, tutte le operazioni che vengono compiute sull’impianto di allarme, dall’installazione, eventuali problemi, falsi allarmi, sostituzione delle batterie…

In questo modo potrete creare uno storico che vi permetterà di intervenire ancor prima che si possano verificare problemi. Proprio per questo compito, abbiamo sviluppato questo utilissimo servizio gratuito presente sul nostro portale che ti consentirà di ricevere un’email di notifica che ti ricorderà di eseguire la manutenzione dell’impianto e di controllare la sim telefonica.

Promemoria manutenzione

Quali vantaggi porterà creare un diario del sistema antifurto?

Per esempio, sapere quante volte e a che ora un sensore ha provocato un falso allarme, ci aiuterà a capire e risolvere il problema. Conoscere la scadenza della SIM telefonica del combinatore GSM ci permetterà di effettuare per tempo una ricarica.

Ricordiamo che gli operatori telefonici richiedono almeno una ricarica all’anno, altrimenti, la scheda viene bloccata anche se ha ancora credito residuo.

Promemoria scadenza sim

Come posso ricordarmi delle scadenze di manutenzione e SIM telefonica GSM?

BG Solution, sta per lanciare un tool gratuito ed utilissimo, basterà selezionare cosa ci dobbiamo ricordare, manutenzione antifurto, scadenza sim, selezionare la data, inserire la tue e-mail, poi riceverai a scadenza un avviso.

Quali altre semplici operazioni potremmo effettuare senza chiamare l’installatore per manutenere l’allarme di casa?manutenzione antifurto bg solution

Controllare ogni 6 mesi (almeno) che i sensori funzionino correttamente proprio come il test che viene fatto al momento dell’installazione. Si dovrebbe ripetere questo processo regolarmente solo per assicurarsi che tutto stia ancora lavorando correttamente.
La maggior parte dei test può essere effettuata senza far effettivamente scattare l’allarme. Per iniziare, chiudere tutte le porte e finestre che hanno sensori e assicurarsi che il display sul tastierino indica che il sistema è pronto per essere attivato. Meglio fare questa operazione quando nessuno oltre a voi è in casa in modo da non provocare il rilevamento accidentale di sensori di movimento. Se ci sono altre persone, avvisatele che state per effettuare il test antifurto e che potrebbe suonare la sirena.
Nota: A questo punto il sistema non deve presentare indicatori di avviso. Anche con ogni sensore chiuso correttamente, si potrebbe ottenere avvertimenti circa alimentazione primaria, alimentazione di backup della batteria, la mancanza di un collegamento linea telefonica, un avviso di garanzia sul dialogo Pannello di controllo …

Test antifurto magnetico porta / finestra risoluzione problemi:

Questi sono i sensori più semplice da testare. Semplicemente aprire ogni porta / finestra, uno alla volta e verificare che la zona corretta cambi di stato in violato sulla tastiera o display. Questo può essere una luce accende accanto al numero zona, o un messaggio sulla tastiera. Se più porte o finestre sono nella stessa zona assicurarsi di testare singolarmente.

In alcuni modelli di centrali antifurto, è possibile impostare la funzione di test, molto utile!
Sui sensori magnetici, generalmente, potremmo avere questi problemi:

Sensore sempre in allarme, verificare che il serramento non abbia leggermente ceduto sui cardini, disassandosi rispetto all’installazione. Per provare, potreste prendere un magnete ed avvicinarlo al sensore. Controllare la distanza tra sensore e magnete, se aumentata troppo, spessorare il magnete o raddrizzare il serramento.Inoltre, grandi porte metalliche possono diminuire la potenza del magnete significa che le due parti del sensore deve essere allineate molto bene.

Test rilevatori di movimento, problemi e diagnosi:

Per testare un sensore ir, camminare davanti al rilevatore di movimento mentre un altra persona dovrà verificare sulla  tastiera volumetrico BG Solution che la zona assegnata a quel sensore, indichi la rilevazione corretta. A seconda del modello e delle regolazioni, del sensore, può variare la rilevazione, alcuni per farli scattare, basterà fare due passi, altri, qualche passo in più.
Generalmente se nell’abitazione ci sono cani o gatti, saranno regolati con minor sensibilità. Leggete le istruzioni fornite con il sensore di movimento, di base, se non scatta, provare a regolare l’angolo per vedere se c’è qualche miglioramento.
La maggior parte dei rilevatori di movimento hanno una luce rossa sul rivelatore stesso che si illumina quando rileva il movimento. Se il sensore di movimento non funziona correttamente e questa luce non sta anche lavorando, allora probabilmente avete un problema di alimentazione – un problema di cablaggio con i due fili per l’alimentazione e la massa. Se la spia rossa sul rilevatore di movimento è in funzione, allora il problema è probabilmente un NO / NC o una mancata corrispondenza resistenza tra ciò che è stato installato e in che modo l’allarme è stato programmato.

Prove da effettuare su sensori rottura vetri,diagnosi e soluzioni:

Sensori di rottura di vetro possono essere un po ‘più difficili da provare.
Se il sensore di rottura vetri è configurato come una zona di 24 ore, farà scattare l’allarme, anche se l’antifurto è in stand by.
Per testare un sensore di rottura vetri, accendere la sensibilità del sensore fino alla posizione più alta. La verifica di sensori rottura vetri, basati su rilevazione frequenze audio, richiede particolari tester, quindi suggeriamo di contattare l’installatore specializzato in antifurti.

Test Rivelatori di fumo e problemi Diagnosi:

Per testare un rilevatore di fumo, premere il pulsante di prova su ciascun rilevatore. Inoltre, verificare che non vi siano indicatori di batteria scarica sul rivelatore. E ‘una buona idea quella di sostituire le batterie sui rilevatori di fumo una volta all’anno. La maggior parte dei nuovi rilevatori di fumo inizieranno a suonare quando la batteria si sta scaricando. E ‘sempre una buona idea avere delle batterie di riserva a portata di mano. Alcuni centrali, supervisionano le batterie avvisandoci per tempo.

Verifica e sostituzione della batteria di backup:

Il sistema di allarme deve indicare automaticamente che la batteria di riserva deve essere sostituita dalla visualizzazione di un messaggio “Sostituire la batteria” sulla tastiera LCD.

La sostituzione della batteria tampone sulla centrale d’allarme, potrebbe sembrare una cosa molto semplice, ma è comunque un operazione molto delicata che potrebbe compromettere e danneggiare in modo irreversibile l’antifurto.

Se te la senti di correre il rischio, trova una batteria di ricambio che corrisponde alle specifiche della batteria.  Assicurarsi che sia più o meno le stesse dimensioni in modo che rientri nel case dell’ allarme.
Per sostituire la batteria, prima scollegare l’alimentazione principale al pannello di allarme. Quindi rimuovere i cavi di alimentazione rosso e nero alla batteria e di collegarli a la nuova batteria. Quindi, ripristinare l’alimentazione principale e chiudere e bloccare il pannello di allarme.
Attenzione al micro interruttore anti-manomissione che protegge generalmente la centrale, disattivatelo se possibile.

Altra nota, se operate su impianti particolarmente vecchi, potrebbe capitare che scollegando l’alimentazione di rete e la batteria della centralina, potrebbe innescarsi la sirena esterna (dotata di una propria batteria)

Testare la connessione telefonica dell’impianto di sicurezza:

Se la centrale antifurto rileva un problema sul combinatore telefonico gsm o pstn, dovrebbe visualizzare un errore sul display.

Verificate comunque che vengano effettuate le chiamate, verificate il credito sulla scheda telefonica gsm e controllate che non sia scaduta e bloccata dall’operatore telefonico.

 

Guida alla manutenzione fai da te di un antifurto per casa.
5 (100%) 3 votes