Antifurti casa

Gli antifurti casa si dividono in due tipi di sistemi, senza filo o alimentati da rete elettrica.

Entrambi sono dotati di diversi elementi che comprendono i sensori di rivelamento, ovvero gli apparecchi che rivelano il tentativo di intrusione e la presenza del ladro e inviano il segnale alla centralina che poi attiva l’allarme sonoro e invia, nel contempo, una telefonata di allarme al proprietario.

Come vanno messi i sensori di un allarme per garantire un sistema di protezione efficiente?

broker_security_3Un progetto completo ed efficace di controllo della vostra abitazione può essere studiato da un professionista specializzato ovvero un installatore di antifurti che conosce sia i sistemi di controllo perimetrale, sia spaziali e può consigliare la soluzione ad hoc per ogni situazione domestica. Innanzitutto, valuterà se adoperare un sistema di allarmi e controllo con o senza filo, o adottare un sistema misto. Sceglierà i giusti sensori perimetrali o da esterno, questi possono essere composti da barre perimetrali o da sensori antiapertura, se si prevede l’installazione di videocamere esterne installerà dei sensori resistenti e precisi nella rilevazione degli elementi. Sia per l’esterno e l’interno dovr anche studiare un sistema apposito che rilevi la presenza degli animali domestici, e così via. Insieme ai sensori, bisogna anche scegliere il luogo adatto delle centraline e dei ripetitori audiovisivi.

La centralina è l’elemento fondamentale perché riceve il segnale da parte dei sensori, deve essere installata in un punto dove riceve in maniera ottimale tutti i segnali, soprattutto se si scelgono antifurti casa senza fili, inoltre deve essere dotata di sistemi antimanomissione esattamente come le sirene che vengono in genere poste in punti visibili per disincentivare il furto.

 

Antifurti casa: sapere dove mettere i sensori?
5 (100%) 2 votes
(Visited 13 times, 1 visits today)